?

6 Marzo 2009

in questo momento mi sembra di non sapere cosa voglio... mi passa per la testa un pensiero, e poi uno opposto... l'indecisione... Ma stavolta ci resto e va bene così.

L'indecisione è un qualcosa che ho combattuto per una vita intera. Una crociata la mia della quale sono sempre andata molto fiera. Poi mi sono anche raccontata che ero così decisa perchè sono una persona pratica, estremamente pratica.

Scavando nei meandri della mia mente scopro che tutta questa decisionalità... non so come si dice o se esiste la parola ma il concetto è quello (dopo tutto Iva Zanicchi canta di perdenza quindi se po' fa')

Insomma ho scoperto che la mia è una paura di stare nel dubbio... io nel dubbio mi sento umcomfortable (come direbbe il caro Nemo). Non so dove e come l'ho imparato ma io sono capace di ricacciare indietro i pensieri scomodi... i dubbi appunto.

Come se chiudessi un rubinetto.

Mi dico vabbè dai! e passo avanti. Però sbaglio. Cioè... non è che uno si puo' fare seghe mentali a vita sia chiaro! Però ascoltarsi di tanto in tanto e dare spazio a certe emozioni o pensieri - anche se non sono necessariamente positivi o programmati - sarebbe meglio.

I rubinetti non si possono chiudere all'infinito.
Prima o poi scoppia tutto insieme, e tu ti ritrovi trasportata da un fiume in piena e a quel punto li devi affrontare e tocca prendere decisioni drastiche. E magari in tutto questo ci soffri tu e anche qualcun altro.

Che se ci avessi pensato prima forse era meglio...
Perchè lo sapevo ma ho fatto finta di niente.

La cosa positiva è che forse sono ancora dotata di autocritica che a 28 anni non è male. Che poi è l'unico modo per continuare a crescere e forse essere domani migliore di ieri.

direte voi : 'un pacco di post'
io: 'si ma infatti è più che altro un mio appunto per non dimenticare'

Per chi mi conosce:
la prossima volta che mi sentite dire Vabbè dai! mi dovete rispondere tassativamente NO, vabbè dai una sega!. Grazie.

6 commenti:

O'Keeffe ha detto...

dedicarsi un pò di tempo a se stessi

e ragionarci su non è una cattiva idea
io, per esempio, a volte preferisco starmene a cena solo soletto come questa sera
e pensare un pò su alcune cose ... ma solo un pò, altrimenti il piatto si raffredda :)

diciamo che i dubbi sono fatti per essere risolti

anche se a volte sembra impossibile, anzi "impossible" :)

Emanuel Gavioli ha detto...

Concordo con il commento.

Lindalov ha detto...

più di una volta mi hai risposto "vabbé dai". E saprei dirti anche quando. Ma non giudicherò le tue decisioni ma farò come hai detto tu: vabbé dai una sega e sei sempre in tempo!

xxx,
LL

Vale ha detto...

il bello è che io il tempo a mè stessa lo dedico e l'ho sempre dedicato... ma comunque pensavo a quello a cui volevo pensare...

linda: I count on u :P

Nemo ha detto...

Se ti consola, secondo me siamo tutti un po' struzzi.

Poi quando proprio ci manca il respiro ritiriamo la testa fuori dal buco e cerchiamo di analizzarci un po'. Non sempre abbiamo la possibilita' di individuare una sintesi, ma almeno riusciamo ad avere una idea abbastana precisa del problema.

Lanciandomi in consigli non richiesti e non necessari: non ho la piu' pallida idea di cosa tu debba decidere e di cosa implichi questa decisione. Posso solo dire che se riguarda un'altra persona io credo molto nel "parlarsi". Se invece riguada solo te stessa, partirei dal pensare: "e' una decisione irreversibile?". Perche' se si puo' tornare indietro da una decisione che poi puo' risultare sbagliata si puo' tentarla a cuor piu' leggero.

Un abbraccio, Nemo

Vale ha detto...

Nemo... 6 sempre un tesoro... al momento c'è una decisione da prendere ma nel post non mi riferisco a questa :D

Mi riferisco a momenti precedenti... il problema non sono le decisioni in sè ma il prima...